mariani_interna.jpg
  • News

Mazì filiera attiva: ultima creatura in casa Mariani

Eva Verdini, Brand Manager del Molino Paolo Mariani, illustra l'ultima creazione in casa Mariani, nata in seguito ad una lunga fase di sperimentazione.

Come è nato il progetto MAZI'?

Mazì nasce da una concreta riflessione: quali proprietà dovrebbero avere i prodotti che caratterizzeranno il nostro futuro? La sempre più vasta fetta di consumatori attenti a reperire un prodotto naturale e la nostra continua attenzione alla salute e all’ambiente, ci ha condotti a sviluppare un modo nuovo di coltivare, dove tutto è giocato dalle leggi della natura, dal nostro territorio e dalle condizioni climatiche della nostra regione: le Marche.

Che cosa avete fatto in concreto?

Abbiamo reperito un insieme di oltre 2000 varietà di sementi provenienti da tutto il mondo, ed abbiamo deciso di attuare all’interno della nostra Azienda Agricola una coltivazione sperimentale, scegliendo di coltivarle tale insieme di sementi in modo del tutto spontaneo, senza quindi alcun intervento dell’uomo (fertilizzanti, concimi ecc) lasciando a madre natura assieme alle caratteristiche del nostro territorio, il compito di attuare una selezione naturale e offrirci una realtà unica, innovativa. Già dai primi mesi abbiamo potuto registrare come alcune varietà avanzavano nella crescita a differenza di altre che invece non si sviluppavano: al momento del raccolto, con il grano ormai maturo abbiamo potuto notare con stupore come le diverse varietà esibivano ciascuna un colore e formato differente.

Qual è il valore aggiunto di MAZì e qual è lo scopo del progetto?

Con tale progetto abbiamo voluto verificare come le colture si adattano al cambiamento climatico, riportando il controllo delle sementi nelle mani degli agricoltori; in tal modo l'artigiano ritorna a confrontarsi con una materia prima in continuo cambiamento, dovuto alle caratteristiche di ogni singola annata agraria. Diventa così parte di una ‘filiera attiva’ che mira all’unione di tutte le competenze artigianali, all’innovazione e allo sviluppo del territorio.
Il prodotto sarà ogni anno differente, poiché ogni anno sarà caratterizzato da fattori ambientali distinti; questo per noi significa tutelare la biodiversità e scegliere di offrire prodotti che vertano su tre importanti principi sui quali basiamo la nostra filosofia: la Salute, l’Ambiente e la Qualità.

Più di chi produce biologico?

Certo, ci piace infatti definire il progetto MAZI', over - biologico e super territoriale in quanto abbiamo cercato d’intraprendere un percorso tutto nostro, nuovo ed esclusivo che coerentemente corrispondesse alla qualità unica di Mazì. Non c’è niente di più naturale di una coltivazione spontanea dove tutto è giocato dalle leggi della natura e dalle condizioni meteorologiche della nostra zona.

Il prodotto è naturale in quanto selezionato (scelto) dalla stessa natura, sano perché autoctono e cresciuto in modo atipico in un determinato territorio, in continuo cambiamento dovuto alla caratteristiche di ogni singola annata agraria.

Mi ha incuriosito il fatto che non sono indicate le caratteristiche tecniche del prodotto

Vero, non ve ne è necessità o meglio sarebbe impossibile, poiché il prodotto sarà diverso ad ogni raccolto. Ed il bello è proprio questo! Il professionista non sceglierà Mazì per le sole caratteristiche tecniche, ma per un concetto molto più ampio e perché vorrà mettersi in gioco con una materia prima in continuo cambiamento, avvalendosi delle proprie conoscenze e competenze.

Vogliamo spiegare a chi non conosce il greco, il senso del nome MAZI'?

Nel nome è racchiuso il senso del progetto, poiché mazì, in greco moderno significa insieme, ed è su questa parola che verte l’intero progetto, partendo dalla filiera che rappresenta un insieme di persone, dalla varietà stessa che è data da un insieme di oltre 2000 varietà e dalla figura del molino che esce dai soliti schemi e si pone affianco del professionista nello sviluppo del processo produttivo, identificando insieme ad esso le caratteristiche di una singola annata, affinché il prodotto finale venga valorizzato come merita. L’idea dell'unione riconduce anche ad una volontà di aggregazione delle varie competenze artigianali che vengono riportate al centro della scena.

Si può già trovare in commercio il prodotto?

Con stupore il progetto Mazì è stato recepito in maniera molto positiva nel settore professionale ed è attualmente sold out. Visto l’interesse dimostrato stiamo lavorando per l’annata 2019 nell'individuazione di ulteriori appezzamenti di terra nell’ottica di aumentare la quantità e di proporre Mazì anche in formato da 1kg rivolto all’uso domestico.

A quali preparazioni si adatta meglio?

Il lancio di Mazì è avvenuto proprio attraverso una sera monotematica sul progetto, dove si presentava un menù ricco di pane, pizza e dolce unicamente realizzati con Mazì al fine di dimostrare quanto questa farina sia capace di adattarsi a qualsiasi preparazione. Quindi che dire: non resta che provarla!

 

Contatti

  • Olivetti Gianluca
    via del Molino 20 bis
    60035 Jesi (AN)
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ditta Olivetti Gianluca. C.F. LVT GLC 75T22 E388C - P.iva 02171850429 - REA AN 167212 - All rights Reserved. Made by FC Informatica